"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

domenica 20 febbraio 2011

Bando allo sconforto!

Vivere consapevolmente, operare ogni giorno tante piccole scelte personali con la speranza di poter cambiare le cose, comporta necessariamente momenti di stanchezza e sconforto. E' molto difficile che questi momenti si traducano in un passo indietro, un ritorno a vecchie abitudini e a comportamenti irresponsabili. Però lo sconforto agisce dentro, e logora, come tutte le cose negative. Tutto sembra difficile e inutile. Si spegne l'energia. Perciò bisogna reagire! 
 Teniamo sempre a mente che:
  • Tutte le scelte consapevoli hanno comunque un impatto positivo, anche se non  sempre evidente: non dimentichiamolo! La quantità di CO2 non emessa nell'atmosfera, la quantità di plastica non abbandonata nell'ambiente, l'acqua risparmiata, le sostanze inquinanti e i rifiuti non prodotti.
  • Anche se non ci sembra, non siamo soli! Ci sono milioni di persone nel mondo che fanno le nostre stesse scelte. Il nostro impatto positivo va sommato al loro.
  • La direzione è quella giusta! Anche se lentamente, comunque si procede in questa direzione. Ciò che oggi è raro o eccentrico diventerà comune, e questo è già successo per tanti comportamenti ormai generalmente acquisiti.
Ieri mi sono iscritta su  aNobii a un bel gruppo che si chiama   Vivo sostenibile! : libri e proposte interessanti, toni mai sopra le righe, ma soprattutto la piacevole sensazione che c'è un sacco di gente che vive quotidianamente e normalmente in un certo modo, come se fosse la cosa più semplice e scontata del mondo! Forse, senza neanche accorgercene, stiamo sempre più diventando  la norma. Forse, dovremmo semplicemente esserne maggiormente consapevoli e andarne orgogliosi!

Altri utili consigli su quello che gli anglosassoni chiamano green burnout  qui                             

    Nessun commento:

    Posta un commento