"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

lunedì 4 luglio 2011

Il peso dei rifiuti di giugno

Nel mese di giugno la mia famiglia (3 persone) ha prodotto la seguente quantità di rifiuti:

totale:            kg. 18,213   da ripartire in
indifferenziato: kg. 1,642
umido:            kg. 4,564
carta:              kg. 3
plastica:          kg. 0,392
metallo:          kg. 0,196
vetro:             kg. 8,419

In dieci mesi la nostra produzione complessiva di rifiuti è la seguente:
totale:            kg. 234,419 da ripartire in
indifferenziato: kg. 17,127
umido:             kg. 99,467
carta:              kg. 45,657
plastica:          kg. 8,128
metallo:           kg. 1,669
vetro:              kg. 62,371

Questo mese mi ero riproposta, come primo obiettivo, la riduzione della plastica (qui il resoconto di maggio) e devo dire che i risultati sono stati abbastanza sorprendenti: kg. 0,392  è la quantità minore di plastica che abbiamo mai prodotto, poco più della metà di quella del mese di aprile, altro mese record nella nostra classifica mensile (kg. 0,637). Dunque, fare attenzione dà risultati, e tutta la famiglia è sicuramente almeno sensibilizzata al problema.
Per quanto riguarda l'indifferenziato, devo dire che vanno sommati al peso, che si era mantenuto molto basso nel corso del mese, i vetri di un bicchiere rotto e i cartoni della pizza da asporto che sono piombati in casa inaspettatamente in due occasioni: la convivialità è importante, ma anche in questi casi si possono almeno ridurre i rifiuti, per esempio scegliendo la pizza al taglio, che può essere contenuta tutta in un unico cartone, al posto delle pizze tonde consegnate a domicilio, ciascuna con un suo contenitore con tanto di coperchio.
L'organico, grazie al composto, che continua a fare egregiamente il suo lavoro (i secchi ora sono due), è ulteriormente diminuito, ed è meno della metà di quello che prima portavo alle postazioni mobili di raccolta dell'Ama. In questi mesi di pesatura mi sono sempre di più convinta di quanto il problema dell'organico sia cruciale (e scusate se mi ripeto): rappresenta di gran lunga la percentuale maggiore e più difficile da gestire dei nostri rifiuti; vanno senz'altro creati prioritariamente impianti di compostaggio, ma va anche incoraggiato il compostaggio domestico, che ridurrebbe di molto la percentuale di materiale da trattare; penso ad esempio, laddove possibile, a compostiere condominiali (anche a Napoli ci stanno provando, e chissà che prossimamente io non mi lanci in qualche proposta del genere nel mio condominio ...). Comunque, negli ultimi due mesi, da quando ho ripreso il composto, il peso complessivo dei rifiuti familiari è molto diminuito. Vorrà pur dire qualcosa ...
Il vetro di questo mese è piuttosto "pesante" anzi, il più pesante di sempre. Non saprei dire per quale motivo preciso. Continuo a preferire il vetro alla plastica e anche al metallo ogni volta che posso. Il vetro è forse il materiale più facilmente riciclabile. Perchè il comune non ne può organizzare una raccolta differenziata separata, che ne garantirebbe quantità e qualità? Mi sa che scrivo all'Ama; vediamo che dicono (se dicono)...
Nel prossimo mese voglio focalizzare l'attenzione  su alcuni obiettivi: ancora guerra senza quartiere alla plastica (dopo la pasta, mi concentrerò sul problema biscotti...); attenzione sempre altissima all'indifferenziato, che dovrebbe tendere a zero (è la parte dei rifiuti che va in discarica o all'incenerimento), e ancora c'è molto da fare.
In più, voglio concentrarmi sulla produzione complessiva di rifiuti; discarica, inceneritore, riciclaggio, compostaggio: i rifiuti hanno comunque un costo e un impatto e devono essere comunque ridotti.
Copio e faccio mia questa frase dal sito della famiglia Strauss di My zero waste:
"... remember when you go to throw something away: There is no such place as away!" (qui).
P.S.Spero che non ci siano errori nei calcoli. Mi sono un po' fusa nei numeri...
Qui e qui si possono trovare i precedenti resoconti di pesatura dei rifiuti.

Nessun commento:

Posta un commento