"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

mercoledì 10 agosto 2011

Breve vacanza alle Cinque Terre. Seconda puntata: acqua, rifiuti e ... l'uomo e la natura.

Raro trovare in Italia un luogo come le Cinque Terre.

Si può arrivare in treno e con il treno spostarsi da un paese all'altro. La ferrovia li unisce tutti. Ogni paese ha la sua stazione, centrale e accessibilissima (con l'eccezione di Corniglia, la cui stazione è collegata al paese da un pulmino).
Colpisce l'immane lavoro che è stato compiuto alla fine dell'Ottocento (1860-1871) per realizzare la ferrovia. Ed è sicuramente lodevole aver valorizzato e non abbandonato alla rovina, come spesso purtroppo è accaduto per molte tratte ferroviarie italiane, questa grande opera. Anche la ferrovia è qui un simbolo  della continua lotta dell'uomo per sopravvivere in un luogo aspro e difficile, a cui ci si deve adattare ma che bisogna anche plasmare e domare, in una guerra continua e senza tregua. Se anche il progetto originario ha rappresentato una ferita nel territorio, averlo riadattato e valorizzato oggi è sicuramente segno di lungimiranza e intelligenza.




Si può camminare per sentieri segnalati e ben tenuti che attraversano la campagna, si inerpicano per la montagna, seguono a picco la costa.   


Non ci sono automobili nè moto o motorini. Ci si muove a piedi. Una vera rarità. Neanche nelle piccole isole italiane si è veramente riusciti a tenere lontane le automobili!

In realtà, quella di trovarsi in un'isola, è una sensazione che ritorna continuamente. E dell'isola si ritrova la necessità e la capacità di adattamento dell'uomo all'ambiente al fine di sopravvivere. Cosa se non l'estrema povertà e la necessità di sopravvivere può spiegare l'immane lavoro compiuto nei secoli per coltivare queste terre ostili? Anche questo un insegnamento e un monito attualissimo che ci viene da questi luoghi.


Infine, una parola sui rifiuti e la loro gestione. I paesi sono organizzati in modo da permettere e incentivare la raccolta differenziata: pochi bidoni e cestini per l'indifferenziato, molti per la raccolta differenziata. Manca però la raccolta differenziata del materiale organico, e i bidoni dell'indifferenziato sono spesso alquanto maleodoranti.
Per quanto ci riguarda, siamo stati molto attenti a ridurre i nostri rifiuti al minimo. In particolare, siamo riusciti a non comprare mai bottiglie di plastica, ma abbiamo utilizzato borracce riempite dal rubinetto di casa e nelle numerose fontanelle pubbliche. Anche i ristoranti offrono senza problemi acqua di rubinetto. Ottima politica e, per quanto ci riguarda, grande soddisfazione personale!

Breve vacanza alle Cinque Terre: prima puntata

Nessun commento:

Posta un commento