"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

venerdì 26 agosto 2011

Obsolescenza programmata

Torno a casa. Alla lampadina rotta del mio pianerottolo se ne sono aggiunte altre due, una davanti al portone, una nel cortiletto. Ma ogni quanto si fulminano queste lampade fluorescenti?
Mentre penso che devo ricordarmi di acquistarle e cambiarle (sono consigliere del condominio, mi sa che mi tocca), a proposito di lampadine e della loro durata, mi viene in mente questo video moolto interessantissimo.

6 commenti:

  1. Ciao Paola,interessante il video.Gli elettrodomestici un tempo erano molto più pesanti,robusti,più semplici anche ma duravano tanto.Con l'elettronica tutti i congegni sono diventati più delicati.Il primo televisore che abbiamo avuto , era uno dei primi usciti con i soli tasti per il primo e il secondo canale è andato bene 30 anni.Con le lampadine c'è stato un problema simile a quello da te esposto, nel condominio dove abito,scale ,garage e cortile.abbiamo poi messo l'interruttore a tempo. Spesso la luce rimaneva accesa e la durata della lampadina era veramente breve,da qualche anno si spegne automaticamente dopo 5 minuti e le lampadine resistono più a lungo.Sandra

    RispondiElimina
  2. La luce nel nostro condominio una volta, prima che arrivassimo noi, era così, a tempo. Poi, credo per motivi di sicurezza, hanno messo le luci sempre accese (ma non era meglio prima, dico io?). In Germania usano gli interruttori con la cellula fotoelettrica: qualcuno arriva, la luce si accende, poi si spegne. Mi piacerebbe proporlo, ma credo sia un impianto costoso... Ciao!

    RispondiElimina
  3. Riciao Pa,no non è un impianto costoso,noi abbiamo adottato questa risoluzione all'entrata dei garage nel piccolo tunnel che unisce l'interno al piazzale fuori.E' sensibile ma non troppo ,se passa una persona o un animale si accende ma se ci vola una farfalla o un pipistrello non si accende,poi rimane accesa finchè si rimane nel raggio della fotocellula,giusto quel che serve per arrivare all'interruttore a tempo dentro il garage.Se vuoi m'informo per sapere quanto abbiamo speso...non me lo ricordo più,ma non era molto.Abbiamo fatto questa scelta circa 4 anni fa ,e ritengo sia stata un ottima scelta .Sandra

    RispondiElimina
  4. Grazie, perchè no? Intanto buono a sapersi. Come ti dicevo, questi impianti sono diffusissimi in Germania (forse obbligatori?) in case, condomini, alberghi ecc. e sicuramente permettono un notevole risparmio energetico.

    RispondiElimina
  5. Ciao Paola.Ho avuto dal caposcala il bilancio del 2006,l'anno in cui abbiamo messo la fotocellula.
    Abbiamo speso 21,oo euro per il sensore e 65,oo per il montaggio,quindi in totale la spesa è stata di 86,oo euro che, ripartita per il numero delle famiglie di questa scala, otto in tutto la spesa sostenuta ha superato di pochi centesimi i 10,oo euro.Sicuramente li abbiamo abbondantemente recuperati nel corso di questi anni.Spero di esserti stata in qualche modo utile .Un bacione.Sandra

    RispondiElimina
  6. Grazie! Buonissimo a sapersi! Allora mi informo anch'io.

    RispondiElimina