"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

domenica 4 dicembre 2011

Verde di casa e di finestra

Anche in un piccolo appartamento di città, senza balcone, si può far entrare un po' di verde. Per ora in casa mia la situazione è questa.

I pothos:
in cucina

in bagno

in soggiorno
Il pothos è una pianta molto resistente  che si adatta bene a tutti gli ambienti (sempre gradita comunque la luce). Può essere facilmente riprodotta ogni volta che si potano i rami tenendoli in acqua per qualche mese ed è senz'altro una pianta di grande soddisfazione. I miei pothos della cucina hanno più di vent'anni. Hanno visto stagioni alterne, ma sono sempre lì, ed ora sono veramente belli, non vi pare? Quelli del vaso in soggiorno sono stati da poco passati in terra mentre i rametti in acqua sono in attesa di essere travasati in primavera (ma possono vivere in acqua anche per sempre). Anche quello in bagno è bello, no? Non finisce mai di crescere, e io non finisco mai di tagliarlo.

Il soggiorno è di solito la stanza preferita per le piante:
ficus benjamin vicino alla finestra

sanseveria e co (anche il composto)

A casa mia sopravvivono discretamente due ficus benjamin, una sanseveria e un paio di piante non meglio identificate sopravvissute a morti apparenti e tuttora poco floride, ma vive. Il ficus benjamin, se trova il suo posto nella vita, è una pianta abbastanza resistente. Ha bisogno di innaffiature costanti (la terra deve essere sempre umida) e molta luce. Molto resistente anche la sanseveria o lingua di suocera, purchè non la si esponga a temperature troppo basse e non si ecceda nell'innaffiarla (io praticamente non la innaffio mai). Come si vede dalla foto, uno dei due secchi del composto, quello a cui non aggiungo più materiale, fa compagnia alle piante (non è proprio bellissimo, ma con altri vasi si può mimetizzare abbastanza bene).

Una piccola orchidea sta per fare il suo primo fiore dopo più di due anni:

 Non so se si vede. Appena sboccia, se sboccia, lo fotografo. L'orchidea ha bisogno di innaffiature regolari e umidità costante e molta luce (la mia ha cominciato a crescere e ha finalmente tirato fuori quello che sarà il suo prossimo fiore da quando l'ho avvicinata alla finestra).

Poi ci sono le finestre. Nel mio appartamento per il momento l'unico davanzale che ha spazio per le piante è quello del bagno, e io ho provato a raddoppiarlo con una mensola in più, ispirandomi all'idea dei bellissimi giardini verticali. Per ora quello che ho ottenuto è questo:

rosmarino e salvia, ciclamino
La salvia non sta proprio benissimo, e devo trovare una cura alle nuvolette bianche che si formano sulle foglie. Il rosmarino ha un aspetto un po' secco, ma è vivo e vegeto. Entrambe le piante non richiedono molta acqua, e devono essere innaffiate solo quando la terra è completamente asciutta. Il ciclamino del piano di sopra invece è vecchissimo, e fiorisce un anno sì e un anno no (questo dovrebbe essere l'anno buono). Ha bisogno di molta umidità ed è naturalmente una pianta da esterni. Va in letargo in estate ma con l'autunno riprende vita non appena si ricomincia ad innaffiarlo.

la magnolia dalla finestra 

Dalla finestra della cucina invece si vede una bellissima magnolia, che era stata crudelmente potata e ridotta a una specie di palo senza foglie solo un paio d'anni fa e che ora è così:

Ecco, anche in città è possibile circondarsi o trovare almeno un po' di verde.
E questo è solo l'inizio, perchè, oltre all'orto sul davanzale (ricordate?), ho intenzione di lavorare su finestre e pareti e inventarmi qualcosa. Se cercate su Google "giardini verticali" e guardate le immagini, capirete perchè l'idea mi attira tanto.
Senza dimenticare poi che le piante da interni, e pothos, ficus benjamin e sanseveria in particolare, hanno la proprietà di purificare l'aria degli interni da sostanze inquinanti.

3 commenti:

  1. Quanto verde, io amo il verde ma non in casa, hai mai pensato di lasciare la citta ?
    Ciao
    Daniele

    RispondiElimina
  2. Ebbene sì, ci sto proprio pensando.

    RispondiElimina
  3. Sto sbirciando nell'etichetta piante! Quante ne hai! Che belle poi! Se fossi piú vicina ti porterei un po' di piantine grasse che ho visto non hai! :D

    RispondiElimina