"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

mercoledì 26 gennaio 2011

Primi semplici passi: i rifiuti e la raccolta differenziata.

Un primo semplice passo è iniziare la raccolta differenziata dei rifiuti. Per me e la mia famiglia si tratta di una scelta effettuata ormai anni fa. A Roma. Ricordo che mi sono improvvisamente accorta dei cassonetti per la raccolta differenziata in strada e ho scoperto a cosa serviva ciascuno. Perchè ricordo questo? Perchè a mia memoria non c'era stata nessuna campagna informativa in proposito, ed è proprio vero che noi vediamo ciò che conosciamo (o che vogliamo vedere). Dunque ho scoperto che i cassonetti erano quello (a me già noto) della carta e quello multimateriale per plastica, vetro e metalli (e su questo argomento delicatissimo bisognerà tornare). In casa si comincia a differenziare (e ci vorrà molto tempo per capire cosa si può gettare e cosa no, e alcuni dubbi restano tuttora, perchè il sistema non è fatto per funzionare, soprattutto per quanto riguarda le responsabilità e le informazioni fornite dai produttori di merci e imballaggi). Però la prima bella sorpresa è scoprire che la quantità di rifiuti indifferenziati diminuisce visibilmente. E questo nonostante l'ingombrante presenza dei rifiuti organici, che rendono la spazzatura già in casa puzzolente e spesso disgustosa. Non ci vuole molto a capire che quello dell'organico è il primo problema che chi si occupa di raccolta e smaltimento dei rifiuti dovrebbe affrontare. Per anni mi sono rammaricata del fatto che a Roma, e poi nel mio municipio, non si facesse la raccolta differenziata dell'organico. Poi, guidata da alcuni video su internet, dopo aver girato e cercato molto, ho sperimentato a partire da giugno scorso il compostaggio domestico, vivendo in un piccolo appartamento privo di qualsiasi spazio esterno (e su questa esperienza tornerò prossimamente). Bellissima soddisfazione! Scopri che l'organico, se lasciato respirare e decomporre correttamente non puzza! Scopri che i rifiuti non sono quella cosa terribile che si crede. Se trattati come si deve, sono materia che può essere gestita in modo pulito ed efficiente, anche nel piccolo di un appartamento. Si trasformano in terriccio utilizzabile per piante. E l'indifferenziato diminuisce ancora di più e quasi non puzza (dico quasi perchè in casa non compostavo scarti animali o cucinati di alcun genere, che finivano quindi nell'indifferenziato). A partire dallo scorso settembre nel mio municipio (ma non esattamente nella mia zona) è stata attivata la raccolta stradale dell'organico tramite postazioni mobili a orario. Ogni domenica faccio una bella passeggiata per raggiungere il punto di raccolta dell'organico a me più vicino, e ho completamente eliminato materiale organico dalla produzione di indifferenziato, che getto mediamente ogni 15 giorni e che si è ulteriormente drasticamente ridotto! Il sistema della raccolta stradale tramite punti mobili non è certamente il migliore (ma la vogliono fare veramente questa raccolta differenziata?). E' anche vero però che noi cittadini dobbiamo fare la nostra parte, e che con un po' di buona volontà i risultati sono incredibili. Scopri che anche l'organico da conferire, se ben tenuto, non puzza (e quindi non deve essere buttato tutti i giorni). Che la quantità di indifferenziato potrebbe essere ridicola se solo tutte le famiglie facessero almeno una corretta raccolta differenziata. E per me è una grande soddisfazione buttare nel cassonetto dell'indifferenziato ogni 15 giorni o più pochi etti di materiale secco, assolutamente inodore. E mentre getto il mio minuscolo sacchetto in cassonetti maleodoranti e stracolmi di ogni tipo di materiale, mi convinco sempre più che non c'è da parte delle autorità nessuna intenzione di affrontare razionalmente ed efficacemente il problema, e che siamo noi che dobbiamo agire con i nostri comportamenti per cambiare. E sogno enormi inceneritori vuoti e fermi perchè non c'è niente da bruciare!