"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

martedì 3 gennaio 2012

La chiusura della discarica di Malagrotta è stata rinviata di 6 mesi: continua una tradizione lunga 13 anni.

L'ultima proroga di una serie lunga tredici anni era stata quella della presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, che nel firmarla il 30 giugno 2011 aveva annunciato solennemente: "Sarà l'ultima, non sarà possibile reiterarla" (qui e qui).
Il 14 dicembre scorso il commissario straordinario Giuseppe Pecoraro  aveva annunciato in occasione della sua audizione davanti alla commissione parlamentare su mafia e rifiuti: "La discarica di Malagrotta sarà prorogata per almeno altri sei mesi" (qui). Già alla vigilia della discussione in Regione del Piano Rifiuti, il 12 dicembre, circolava voce di una proroga di sei mesi, mentre appena due mesi fa il prefetto aveva parlato di "una mini-proroga, spero non più di uno o due mesi" (qui).
Anche in seguito alla sentenza del Consiglio di Stato che ha accolto il ricorso di Colari, la società di Manlio Cerroni che gestisce Malagrotta, la proroga fino a giugno 2012 è stata firmata dal commissario Pecoraro nella tarda serata del 28 dicembre (qui e qui).
Tradizione rispettata in tutto e per tutto: politica dell'emergenza continua, inefficienza politica, interessi monopolistici e, ciliegina sulla torta, la proroga! Qual modo migliore per iniziare il nuovo anno?

Per approfondire:
Il Fatto Quotidiano 
Corriere della Sera

Nessun commento:

Posta un commento