"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

giovedì 6 settembre 2012

Come ti riciclo... gli scarti di cucina

Per il Linky Party 25 di Alex Topogina su C'è crisi c'è crisi! intitolato Come ti riciclo... ho pensato di scrivere un breve post sul compostaggio domestico estremo in appartamento, che è quello che faccio io (e che dà il nome al blog). In fondo, quale riciclo migliore di quello che la natura fa da sé e di cui noi umani invece ci siamo dimenticati, producendo rifiuti su rifiuti che in natura non esisterebbero?

Si prende un secchio di plastica grande (il mio e' piuttosto piccolo, come casa mia, ma avendo spazio esterno meglio avere dimensioni maggiori) e lo si trivella di buchi perché passi l'aria:


Poi si aggiunge un po' di compost maturo, scarti di cucina  (rigorosamente però nulla di cucinato,  niente carne o pesce, niente pane)  carta o cartone (o scarti di giardino secchi) in quantità più o meno equivalenti:


Si taglia la parte centrale del coperchio e la si sostituisce con una zanzariera (perché passi l'aria) e si pone sotto un sottovaso (indispensabile, potrebbe fuoriuscire del liquido):


Del filtro anti-odore a base di compost che si vede sopra il coperchio invece ormai faccio del tutto a meno (le foto di questo post sono tutte vecchie e prese dal blog).

Con l'avanzare del processo gli scarti organici si trasformano in una specie di terriccio profumato:


che, una volta maturo (il tempo deve passare...), dopo essere stato setacciato si presenta così:


Ed ecco riciclati gli avanzi di cucina!

Con questo post partecipo al


di Alex.

20 commenti:

  1. ti voto sicuramente!
    non ho mai pensato di farlo sul balcone perché mio cognato lo fa nel suo giardino...però con i tuoi consigli posso cimentarmi anche'io.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come no! Vedrai che soddisfazione! Tieni presente che i mesi caldi sono i più adatti, perché favoriscono il processo di decomposizione. Puoi trovare nel blog e su internet molte preziose informazioni.
      Ciao!

      Elimina
  2. Ho sempre pensato di farlo, ma nella mia ignoranza ho sempre pensato ci volesse più spazio. Ci proverò sicuramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provaci senz'altro! Basta anche un balcone. Nel mio primo post "Ecco il composto" c'è il link a un utilissimo video e al post sull'argomento di "Semplicemente Vera" che sono stati la mia ispirazione (scusa con l'ipad non sono riuscita a copiare qui gli indirizzi...).
      Grazie per esserti unita al mio blog! Mi sono unita anch'io al tuo,bellissimo!
      Ciao!

      Elimina
  3. Bravissima! Io da molti anni faccio il compostaggio domestico nel giardino, col vecchio sistema del cumulo, e devo dire che quando alla fine hai tra le mani quel terriccio piuttosto soffice è una vera soddisfazione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima! Quanto mi piacerebbe avere un giardino... :)

      Elimina
  4. Complimenti per tutte le tue opere di riciclo e grazie per avermi spietato bene come poter fare il compostaggio per me che ho solo il balcone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie molte! Dopo aver dato una rapidissima occhiata al tuo blog, che visiterò con calma, penso di poter accettare solo i complimenti per il composto perché tutti gli altri miei lavoretti lasciano molto a desiderare,direi, rispetto a ciò che ho intravisto da te...
      Grazie,comunque,e ben trovata!

      Elimina
  5. io ho fatto il compost in un altro modo, ma la prossima volta proverò così! è venuto bellissimo!! :) lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dentro casa o in giardino?
      So che esistono metodi diversi anche per il compostaggio in appartamento, con vasi di coccio, reti metalliche di separazione ecc. ecc. Io sono pigra, ho provato il sistema che mi sembrava più semplice! :) ciao!

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. il mio è sul balcone. avevo provato per prima con un cestino di plastica prebucato (quelle che sembrano una specie di retina) e ho bucato il il fondo, ma forse entrava troppa aria perché si seccava tutto. ora ho un secchio di plastica con un coperchio e dentro una busta di plastica bucata, in fondo dei rami per far respirare. fin'ora sta funzionando... o almeno sembra!

      Elimina
  6. Molto interessante. Ma fa odore? Mio marito è quasi contrario per questo motivo ed io non ho mai provato.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa più sorprendente del composto è proprio il fatto che, se fatto bene, non fa odore. Ormai non ho più bisogno nemmeno di quel filtro anti odore che ancora compare nelle vecchie foto. Se il materiale è ben aerato e c'è proporzione fra materia organica e materia a base di carbonio (carta) non manda cattivo odore, non crea liquido e il terriccio è addirittura profumato.
      Grazie per essere passata da questa parti. Ricambierò la visita.
      Ciao!

      Elimina
  7. cara Paola, è da un po' che ti seguo proprio per imparare a fare il composto in casa. Non ho ancora iniziato ma, dato l'inizio del caldo e il consumo frequente di uova soprattutto da parte di uno dei miei figli (lavora in una palestra) nonché di verdure e frutta, credo sia arrivato il momento!
    Non ho letto o forse non ho trovato risposta a queste 2 domande: i gusci d'uovo sono da lavare, cioè, si devono togliere i resti di albume - liquido o solido? Si devono aggiungere terriccio e carta in quale quantità dei rifiuti inseriti, uguale o minore?
    Attendo con impazienza tue precisazioni e intanto ti faccio tanti complimenti per la tua costanza!
    Buona domenica =)
    Silvia

    RispondiElimina
  8. Scusa Paola! Ho riletto il tuo post è per la quantità ci siamo: circa uguale.
    Ora andrò alla ricerca del tuo primo post sul compost capire se posso inserire terriccio normale, come immagino, dato che compost non ne ho ancora.
    Ri- ciao =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho cominciato con compost, perché avevo un sacchetto di quello prodotto dall'Ama di Roma, ma penso che del buon terriccio ricco di nutrienti vada bene ugualmente. I gusci d'uovo li inserisco semplicemente triturandoli con tutto quello che hanno "addosso" e non ho mai avuto problemi. Per il rapporto verde-marrone regolati anche in base all'umidità: se il materiale nel secchio è troppo bagnato, bisogna aggiungere materiale secco, se è troppo secco, bisogna aumentare l'umidità e non eccedere in materiale secco.
      Buon compostaggio, allora :)

      Elimina
    2. 1000 GRAZIE Paola! Spero di riuscire nel mio intento e intanto ... vado a caccia di un contenitore adatto da sforacchiare =)
      ciao ciao

      Elimina