"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

domenica 7 ottobre 2012

I rifiuti di settembre: un indifferenziato piccolo piccolo

Il resoconto mensile della pesatura dei rifiuti prodotti in casa dalla mia famiglia di tre persone continua.
Questi i risultati del mese di settembre:

indifferenziato:  Kg. 0,435       sacchetti: 1
umido:    Kg. 6,069                 sacchetti: 5
carta:   Kg. 4,221                    sacchetti: 2
plastica:   Kg. 0,583                sacchetti: 2 (con vetro e metallo)
metallo:  Kg. 0,240                 sacchetti: 2 (con plastica e vetro)
vetro:   Kg. 9,536                   sacchetti: 2 (con plastica e metallo)

TOTALE: Kg. 21,084             sacchetti: 8

Il sacchetto dei rifiuti indifferenziati è il più piccolo e leggero mai prodotto in casa nostra: niente incidenti di cocci rotti, niente pizza da asporto, niente decluttering... una meraviglia! Dunque ridurre si può e il nostro obiettivo meno di un chilo questo mese è stato a dir poco polverizzato. Magari fra un po' lo abbassiamo pure a mezzo chilo e a un solo sacchetto "piccolo" al mese. Mai porre limiti a ciò che si può fare!

Un po' pesante, ma neanche troppo, l'umido. Il secchio del compostaggio domestico ha lavorato, anche se un po' a riprese alterne. Abbiamo avuto però qualche "incidente" di troppo in frigorifero e in dispensa, mentre bisognerebbe tenere sempre alta la guardia contro lo spreco di cibo in cucina (e su questo argomento vorrei tornare presto).

Per quanto riguarda la raccolta differenziata, abbiamo limitato il numero di sacchetti e conferimenti nel cassonetto (2+2) e anche il peso è più o meno nella nostra norma.

Stessa cosa riguardo al peso totale: l'obiettivo -20 chili è stato quasi raggiunto.

Insomma, dopo gli eccessi degli ultimi due mesi (qui e quici siamo messi a dieta, come si fa dopo le vacanze quando si è un po' ecceduto, e i risultati sono stati più che buoni. Ora dobbiamo solo evitare l'effetto yo-yo...

12 commenti:

  1. Quanto vuoi per dare lezioni?
    Io e mia moglie ne abbiamo gran bisogno.
    Bravi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lezioni,addirittura! Bastano un po' di buona volontà e attenzione a ciò che si compra e a ciò che si butta via per cominciare a vedere i primi risultati. E non dimenticare mai che, comunque li si smaltisca, non c'è un modo "magico" per liberarsi dei rifiuti. L'unica vera magia consiste nel non produrli!
      Grazie, comunque.

      Elimina
  2. cara Paola...complimenti come sempre sei bravissima :))) Vai a dare un'occhiata a questo articolo: http://manstillinprogress.wordpress.com/2012/10/05/stessa-lotta-altra-merda/ è un articolo un pò colorito ma davvero bello! A presto, lu (PS: il 17 ottobre ci sarà una manifestazione a piazza colonna per chiedere a monti la fine dell'emergenza rifiuti a roma....c'è un invito su fb.....mi sa che ti devi proprio iscrivere così diventa più comodo comunicarti le cose :)

    RispondiElimina
  3. Rimango sempre ammirata dalla tua dedizione e pazienza e mi sa che appena trovo un po' di tempo, mi devo leggere un po' di post per capire come fate a consumare così poca plastica. Ti assicuro che ci sto attenta, ma da me ce n'è di più!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  4. Concordo, cara Lucia, l'articolo e' davvero bello!
    Cercherò di venire alla manifestazione. In attesa di una mia improbabile iscrizione a Facebook, mattina o pomeriggio?
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops! Pensavo fosse domenica... Pomeriggio,immagino

      Elimina
  5. @Clara: la plastica e' tanta ma pesa poco (e tu non pesi i rifiuti, vero?). Noi siamo riusciti a eliminare i flaconi di plastica quasi del tutto, non beviamo acqua o bevande in bottiglia, preferiamo carta, cartone o vetro quando possibile, usiamo confezioni ricaricabili per alcuni prodotti, cerchiamo, se possibile, prodotti sfusi, evitiamo l'usa e getta... E nonostante tutto questo la plastica sembra sommergerci! Sembra una guerra persa in partenza, ma non ci arrendiamo!
    Ciao :)

    RispondiElimina
  6. Ciao Paola, vengo dal blog di Clara, e ho visto che anche tu vivi a Roma.
    Scusa ma dove la fanno tutta questa raccolta differenziata? sotto casa mia non c'è ... se ti interessa una mia amica mi stava dicendo che nei municipi stanno facendo una raccolta di firme x migliorare la QUALITà DELLA VITA A rOMA. Scusa la prolissità e piacere di conoscerti!!:-) silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', raccolta differenziata e' una parola grossa... Cassonetti stradali per indifferenziato, carta e multimateriale. Io poi mi sposto un po' per consegnare alle postazioni mobili dell'Ama l'umido che non finisce nel mio secchio del composto (nel quartiere Aurelio c'è questa raccolta "mista").
      So della raccolta firme, ora farò un nuovo post di aggiornamento perché la scadenza e' stata prorogata al 15. Intanto puoi andare sul sito RomaSimuove per informazioni.
      Piacere mio! Benvenuta!!! :)

      Elimina
  7. Bravissima! E sulla plastica hai proprio ragione: pesa poco ma è sempre tanta! Invece mi sto informando per capire bene cosa succede dopo la nostra raccolta differenziata....e qualche sorpresa l'ho già avuta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorpresa? Scommetto che hai scoperto che solo una minima parte viene effettivamente riciclata, il resto in discarica o nell'inceneritore... Aspetto un tuo ottimo come sempre post in proposito. Come raccogli le informazioni tu nessun altro...
      A presto!

      Elimina