"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

sabato 20 ottobre 2012

La magnolia di Peppe



Non so quanto tempo fa l'abbia piantata, questa magnolia, Peppe, nel giardinetto condominiale prospiciente agli appartamenti del seminterrato.
Ricordo che, quasi vent'anni fa, quando ci siamo trasferiti qui, era già un bell'albero, e ricordo anche l'anno in cui fece il suo primo fiore, come disse Peppe allora: un primo unico fiore bianco, a cui ne sono seguiti in abbondanza moltissimi altri negli anni successivi.
Quando, alcune estati fa, Peppe la fece potare, era stata ridotta a una specie di palo, quasi senza foglie. "L'ho piantata io, questa pianta, decido io se potarla", disse allora a mio marito che lo aveva rimproverato per l'apparente scempio.
E aveva ragione lui, naturalmente. Nel giro di pochi anni la sua magnolia è cresciuta molto più bella e rigogliosa di prima. Ha resistito senza fare una piega alla neve dell'inverno scorso. Si avvia a superare il terzo piano dei palazzi che la circondano, è sempre verde e piena di vita. Ha trasformato la vista dalla finestra della nostra cucina: da cemento di palazzi a un verde quadro di natura viva.
Peppe è il signor Z., l'ignaro protagonista di questo e questo post del mio blog.
L'ultima volta che ci siamo incontrati, un paio di mesi fa, era reduce da un periodo di  malattia, andava in giro con l'ossigeno in una borsa: ci siamo baciati e abbiamo parlato amabilmente come al solito. Da allora non l'ho più visto.
Due giorni fa Peppe ci ha lasciati.
Mi piace ricordarlo con questa foto.

10 commenti:

  1. Spero che quella splendida magnolia, ora che forse nessuno la poterà, vivrà dell'amore che le aveva dato Peppe e di quello di coloro che lo ricordano. Immagino il tuo dispiacere e ti mando un abbraccio consolatorio: doveva essere una bella persona, uno che dice "siamo tutti operai" dev'essere una bella persona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, era una bella persona, che mancherà molto ai suoi cari ma anche a noi suoi vicini. Era di quelle persone speciali che ogni tanto capitano e magari neanche ce ne rendiamo conto finché non ci sono più ...

      Elimina
  2. Peppe vi ha lasciato la sua magnolia, è un gran regalo, sarà sempre lì a ricordarvi la sua persona, a fare ombra, a elargire ossigeno e fiori profumati, e a cambiare il colore del cemento da grigio a verde.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così. Che bello, un albero come ricordo di se'...

      Elimina
  3. Io ho fatto piantare un albero nel giardino dei nonni quando è nato il piccolo e vorrei ne fosse piantato uno quando morirò io.. insomma, mi piace molto l'idea di ricordare una persona attraverso un albero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, e' bellissima! Anni luce fa anche a Roma esisteva una legge che stabiliva di piantare un albero per ogni bambino che nasceva. Non credo ce ne sia più traccia. Sarebbe invece veramente bellissimo ricordare le persone attraverso un albero, come dici tu.

      Elimina
  4. Che bella magnolia, che bel post e che bel blog! Mi sono aggiunta ai tuoi followers! A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e benvenuta! Bellissimo il tuo blog! Nuova follower anch'io!

      Elimina