"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

venerdì 4 gennaio 2013

Sabato 5 gennaio manifestazione contro la discarica provvisoria di Monti dell'Ortaccio e l'ennesima proroga di Malagrotta

La discarica di Malagrotta è stata prorogata. Il commissario Sottile ha individuato (di nuovo) in Monti dell'Ortaccio la discarica provvisoria di Roma. E intanto i cittadini della Valle Galeria continuano la protesta. 

Solo un mese fa il ministro dell'ambiente Corrado Clini, alla domanda se Malagrotta sarebbe stata ancora una volta prorogata, rispondeva così, in perfetto politichese, con tanto di premesse e condizionale-al-posto-dell'indicativo: 

  

E infatti il commissario straordinario Goffredo Sottile alla fine di dicembre ha puntualmente prorogato Malagrotta, individuando come discarica provvisoria in attesa del sito definitivo (così come aveva già fatto verso la fine dello scorso agosto, salvo poi cambiare idea  solo pochi giorni dopo la dichiarazione) il sito di Monti dell'Ortaccio, praticamente adiacente a Malagrotta e di proprietà dello stesso Manlio Cerroni, proprietario di Malagrotta. Sottile ha dichiarato che non c'erano alternative e che "le discariche non vanno demonizzate".

Poco dopo  è sembrato che il ministro Clini mettesse in forse la decisione del commissario da lui nominato ("forse la discarica di Monti dell'Ortaccio non sarà necessaria"), rimandando a un decreto previsto per il 7 gennaio con il quale verrà nominato un nuovo (o sempre lo stesso ma con poteri nuovi?) commissario che avrà poteri a livello regionale. E a livello regionale potranno essere smaltiti i rifiuti della città di Roma (i sindaci  della regione  sono già sul piede di guerra).

Le meraviglie della tecnica al potere!

In attesa delle decisioni definitive, immediata è ripartita la protesta degli abitanti della Valle Galeria.
Domani mattina, sabato 5 gennaio, si terrà una nuova manifestazione presso l'incrocio fra via della Pisana e via di Malagrotta.

Per chi non conoscesse l'area interessata, ecco una mappa della zona. Oltre alla discarica di Malagrotta e i suoi impianti, sono presenti nell'area un inceneritore di rifiuti ospedalieri, un gassificatore, una raffineria e, non molto distante, l'aereoporto di Fiumicino, del quale è in progetto l' ampliamento.
Ah, naturalmente nei quartieri limitrofi ci vivono le persone!
dal sito dailystorm.it
Per approfondire: Il Fatto Quotidiano; Eco dalle Citta; Ecoblog; Repubblica

1 commento: