"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

mercoledì 30 gennaio 2013

Seneca a Che tempo che fa: paesaggio, agricoltura, cibo e il futuro dietro di noi

Per raffigurare e capire meglio l'idea del tempo si può cercare di immaginarlo rappresentandolo secondo coordinate spaziali.

Dove si colloca nello spazio il futuro? E il passato?

Generalmente ci si raffigura il futuro davanti, il passato dietro. Andiamo verso il futuro. Ci lasciamo il passato alle spalle.

Se invece immaginiamo l'umanità come una carovana che cammina lungo una linea, dal passato verso il futuro, la prospettiva cambia.
La carovana nel suo insieme procede in avanti, verso il futuro.
Ma se consideriamo le persone che la compongono, i più vecchi sono davanti, i più giovani sono dietro. Il passato è davanti, il futuro è dietro.

Questi sono alcuni dei ragionamenti che fa Seneca in molte sue opere per cercare di rappresentare e rendere comprensibile ai suoi lettori l'idea del tempo.

Vi invito, se non l'avete fatto, a guardare questa interessante conversazione nella puntata di Che tempo che fa del 20 gennaio 2013 con Carlo Petrini e Salvatore Settis.
Si parla di paesaggio, agricoltura, cibo, tutela del territorio, bene comune.
Nell'ultimo minuto del video Carlo Petrini, riferendosi alle future generazioni, fa un gesto rivolto alle sue spalle: i giovani sono dietro di lui.
I giovani, le generazioni future sono dietro di noi nella carovana dell'umanità. Proprio come ci ricordava Seneca.
Non dimentichiamolo.


8 commenti:

  1. Senti Paola, io ci provo a non commentare, per non darti l' idea di esser sempre lì, ad aspettare i tuoi post ,per esprimere le mie opinioni; ma se tu mi tiri fuori questi discorsi, che per me sono così interessanti, non ce la faccio a star zitta:o) almeno per dirti ,come al solito: son qui che ti leggo con piacere!
    un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, che carina che sei!
      Sappi che mi fa mooolto piacere che tu mi legga volentieri, come mi fanno mooolto piacere leggere i tuoi commenti (e i post del tuo blog).
      Un carissimo saluto

      Elimina
  2. In genere seguo la trasmissione, questa puntata mi era sfuggita, grazie per averla pubblicata!
    E' uno dei pochi programmi interessanti rimasti in tv!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno affrontato temi importanti di cui si parla raramente in tv (e non solo). Bisogna dargliene merito.

      Elimina
  3. Carlo Petrini lo trovo davvero un uomo saggio! E' già stato ospite di quella trasmissione e ho avuto l'opportunità anche di leggere il suo libro "Terra Madre" che mi ha illuminato semplicemente riportandomi alle origini.
    Grazie per aver postato questo intervento!
    Bacioni Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Valentina per il tuo contributo!
      Tornare alle origini per quanto riguarda il cibo è sicuramente un percorso importante, sul quale sto provando a incamminarmi anch'io anche su ispirazione di persone come te.
      Bacioni

      Elimina
  4. Ho visto la puntata, davvero un grande Petrini! Molto azzeccato il titolo che hai dato al post....e ci vorrebbe un pò più di Seneca nella zucca della gente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... un po' più di Seneca nella zucca non guasterebbe :) concordo!

      Elimina