"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

lunedì 18 marzo 2013

12 propositi per 12 mesi: il bilancio di febbraio e i propositi di marzo (sempre in cucina)

Il primo proposito dell'anno, quello di gennaio, è andato e continua ad andare più che bene (ancora niente vaschette di polistirolo in casa!).

Il proposito del mese di febbraio invece, quello di  migliorare in cucina, come previsto procede a rilento, soprattutto nelle ultime settimane (lavoro, famiglia, figli che partono...).

Però, per tirarci un po' su il morale, bisogna dire che:

- di carne se ne continua a mangiare decisamente meno;

- il pane è ormai quasi sempre integrale e biologico;

- i formaggi sono decisamente pochi;

affettati e insaccati sono pari quasi a zero;

- la frutta è molta e quasi sempre biologica;

- di verdura se ne consuma abbastanza e quasi sempre biologica;

- anche i legumi sono piuttosto frequenti e quasi sempre biologici;

- i prodotti confezionati sono un po' diminuiti.

Certo, non sono diventata una cuoca provetta, ho sperimentato e variato pochissimo, non sempre la mia spesa è stata attenta, razionale e ben organizzata.
E, devo confessare, ultimamente sono stata poco attenta nel mangiare fuori casa, indulgendo un po' troppo in schifezze estemporanee (è proprio vero, cibo e alimentazione sono un settore estremamente delicato, con risvolti anche psicologici che non vanno sottovalutati).

Per cui:

il proposito del mese di marzo continuerà a battere sul tasto dolente della cucina.

Continuerò con l'impegno del mese scorso, cercando di prestare maggiore attenzione alla scelta degli ingredienti e degli alimenti.

In base agli studi del prof. Franco Berrino dell'Istituto Tumori di Milano è stata creata una tabella che suddivide gli alimenti in vietati, permessi ma non consigliati, e consigliati (l'ho trovata nel blog Il Mondo di Ci).
Altre informazioni per una corretta alimentazione e un utile decalogo,  trovati nel blog de Le Amazzoni Furiose, sempre basati sugli studi del prof. Berrino, sono sul sito dell'Istituto Tumori di Milano.

Queste nozioni saranno la mia fonte di ispirazione del mese.

Vediamo cosa riesco a combinare, soffermandomi di più sui singoli alimenti, come fa la bellissima iniziativa Salutiamoci, a cui mi piacerebbe tanto riuscire a partecipare (ma non sono ancora pronta).

Voi sì, però!

18 commenti:

  1. Ciao! Io riguardo ai cibi confezionati, ho eliminato completamente (o quasi) l'acquisto di brioches e merendine. Le ho sostituite egregiamente con muffin fatti in casa, che preparo circa 2 volte alla settimana e si conservano benissimo.
    A presto! =) Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merendine, biscotti e prodotti da forno confezionati li ho eliminati anch'io da tempo. Per la colazione, se non ho pronto un ciambellone fatto in casa (ed è un po' ormai che non lo faccio) mangio pane e marmellata. Per cibi confezionati mi riferivo in realtà a passata di pomodoro, marmellate... altro non mi viene in mente.
      Riguardo alla cucina mi butto sempre un po' giù, ma rispetto a qualche tempo fa sono molto migliorata. E' che mi piacerebbe riuscire ad autoprodurre molto di più!
      Grazie per il consiglio comunque! I muffin fatti in casa sono un dolcetto che devo ancora provare.
      Ciao!

      Elimina
  2. Prova a sperimentare con le amiche, di solito sono più propense ad assaggiare che non i mariti/fidanzati e ti incoraggiano anche molto di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona idea! Ci penserò. Magari riuscirò a riconciliarmi con i fornelli almeno un po'...

      Elimina
  3. Ma sei super brava!!! Non è semplice far cambiare le abitudini di una famiglia intera! Io con la mia (attuale) ci sono riuscita ma i miei genitori non comprendono le mie scelte e posizioni... a volte mi scontro proprio con un muro!!! Le mie sperimentazioni passano tutte per le mezze dosi... per sentire se è buono un piatto provo tutto a dose dimezzata... se i miei giudici (anna e marito) approvano la volta successiva è dose piena e la novità entra nel menù!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dell'idea: proverò con le piccole dosi (oltre che con le amiche...).
      Siete fantastiche con i vostri consigli, davvero. E molto incoraggianti!

      Elimina
  4. Risposte
    1. Grazie per l'incoraggiamento, aiuta molto!
      Ciao

      Elimina
  5. Anch'io per le sperimentazioni di piatti nuovi dimezzo le dosi, poi se piace vado con le dosi normali. Ti faccio i complimenti per la tua costanza e il tuo impegno, guarda che non è da tutte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questa cosa di dimezzare le dosi non ci avevo mai pensato e invece mi state dando un'ottima idea (anche perché i cattivi risultati possono scoraggiare).
      Grazie!

      Elimina
  6. Anche noi poco per volta stiamo cambiando le nostre abitudini, per quanto riguarda il consumo di carne, diminuito moltissimo nel corso degli anni, stiamo sperimentando, io e le mie figlie ( mio marito non ha aderito all'iniziativa!) la quaresima senza carne e devo dire che non è poi così difficile come immaginavo.
    Anche la nostra scelta, quando possibile, si orienta verso i prodotti bio, anche se frutta e verdura non è sempre facile riuscire a trovarli.
    Complimenti per questa lista di buoni propositi e in bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lolle! Buona l'idea della quaresima senza carne (o comunque un periodo limitato in cui ci si prova). Si può provare anche con altri alimenti, magari quelli più dannosi. Vediamo come va.
      Ciao!

      Elimina
  7. Paola diventi sempre più brava!! Secondo me non dovresti crucciarti troppo per gli eventuali "sgarri" fuori casa, credo siano quasi inevitabili e credo anche che, se ci si impegna a curare l'alimentazione a casa propria, si può anche non essere "integralisti" e conservare un po' di flessibilità quando non si ha la possibilità di cucinare. Penso che alimentarsi bene non sia un credo ma una buona abitudine, uno stile di vita, per cui non serve sentirsi in colpa o sentirsi incoerenti se si "pecca".
    Anche io ci penso da un po' a Salutiamoci, ma col poco tempo che sto passando al pc continuo a rimandare. Ma tra poco più di un mese scadrà l'ennesimo contratto in libreria e (per fortuna) comincerò un lavoro da pc, allora credo che tornerò in blogosfera con l'assiduità di un tempo :)
    Buona giornata e buona primavera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sagge parole, le tue, su buone abitudini e integralismo. E grazie per l'incoraggiamento.
      Sarà bello ritrovarti assidua sul web (ma con lavoro!)
      Buona giornata e buona primavera anche a te :)

      Elimina
  8. Cara Paola, mi sei venuta in mente... questa settimana, il corriere della sera ha lanciato il primo volume di una collana di cucina dello chef-scienziato Marco Bianchi... l'ho acquistato costa 7,90 euro, molto interessante, parla della cucina sana e naturale senza integralismi (come dice Cri!) ma per poter sfruttare tutte le proprietà non solo nutritive ma anche curative e preventive degli alimenti. Questo cuoco è un collaboratore di Umberto Veronesi.
    Ti ho segnalato questa cosa perchè le ricette del primo volume oltre ad essere molto gustose e invitanti sono davvero semplici!
    Dai un occhio anche al suo sito se non lo conosci:
    www.imagnifici20.it
    Ciao ciao ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie, Valentina, per aver pensato a me! Domani provo a vedere se trovo il volume in edicola.
      Ciao!!!

      Elimina
  9. Anch'io sto cercando di seguire un'alimentazione più sana,cerco di consumare cereali e farine integrali, prediligo prodotti biologici, ho limitato molto il consumo di carne e non acquisto più merendine e biscotti confezionati, però devo dire di essere ancora lontana dalla lista del professor Berrino e ammetto che la presenza di alcuni alimenti nella lista dei vietati mi ha sorpreso (la colla di pesce per esempio)! Molto utile il tuo post, grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla tua lista aggiungo lo zucchero raffinato, che non compro né uso più, sostituito da quello di canna per i dolci, dal malto d'orzo e dal miele (lo usa mio marito: anche questo alimento è sconsigliato o non consigliato nella lista, però). E poi il caffè, e latte e latticini, quasi del tutto scomparsi nella nostra dieta. Anche questo è un argomento su cui mi piacerebbe tornare presto. Grazie (di nuovo) per avermelo ricordato.
      Ciao!

      Elimina