"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

giovedì 27 giugno 2013

101 Cose su di Me - parte quinta

101 Cose su di Me Linky Party

Continua l'appuntamento settimanale con il Linky Party di Alex 101 Cose su di Me, arrivato alla quinta puntata.

I post di questa settimana sono particolarmente belli e interessanti, vi consiglio di leggerli tutti, a partire da quello della padrona di casa, che racconta cose davvero sorprendenti e affascinanti sulla sua vita e i suoi spostamenti per il mondo. 

Sarà il periodo dell'anno, sarà la quasi imminente partenza per il viaggio più lungo della mia vita, saranno i bellissimi post di Nellina, v3gan e Pe, ecco qui 10 Cose su di Me e... Viaggi e Vacanze.

41. Ho uno strano rapporto con le vacanze, forse perché lavoro a scuola e ho mantenuto l'alternanza scuola/vacanze come ritmo dominante della vita (tipico degli adolescenti). O forse semplicemente perché sono strana di mio. 
Per me vacanza ha il significato letterale di "mancanza di", "tempo vuoto": vuoto da impegni, orari, obblighi e incombenze. E, generalmente, non sento il bisogno di riempire questo vuoto. Mi basta averlo e abbandonarmici (almeno all'inizio, eh, perché poi, sai che noia!).

42. Questo deve essere il motivo principale per cui odio pensare e organizzare le vacanze. Se fosse per me, non andrei mai da nessuna parte, o per lo meno, andrei da qualche parte solo quando mi sento veramente di farlo e non secondo quella specie di obbligo che le vacanze sembrano essere diventate nella nostra vita di ritmi e riti imposti dall'esterno. Poi, però, devo dire che sono generalmente contenta delle vacanze fatte, soprattutto negli ultimi anni, nei quali sono riuscita a "personalizzarle" come prima non facevo.

43. In concreto, nell'organizzazione delle nostre vacanze, lascio tutte le incombenze "pratiche" a mio marito, ma do il mio contributo, diciamo così, "mentale", dirigendo e guidando le sue azioni, perché poi  non è che accetto qualsiasi cosa, eh! (insopportabile, me ne rendo perfettamente conto...).

44. Non mi piace stare in albergo. Mi piace "vivere" i luoghi dove vado più che "visitarli". Per cui il mio alloggio ideale in vacanza sarebbe sempre una casa (ma purtroppo spesso non è stato così).  
La soluzione peggiore di vacanza per me: albergo con pensione completa. 

45. Non ho mai visitato paesi "esotici". L'idea di andare come turista e vivere nel mondo a parte dei turisti in questi luoghi mi disturba molto. E fino ad ora non ho mai avuto il coraggio di andare in altro modo.

46. Quando mio figlio era più piccolo e andavamo in vacanza tutti insieme ho dovuto fare dei compromessi, ma mai oltre un certo limite (villaggio turistico una sola volta con amici e mai più; crociera mai mai mai). 

47. Non amo particolarmente la vacanza al mare, ma mi piace il mare delle isole o di luoghi come le Cinque Terre, da vivere spostandosi a piedi, faticando e inerpicandosi per raggiungere calette e spiaggette, ogni giorno diverse. E magari non proprio in piena stagione.



48. Negli ultimi anni sono spesso andata in vacanza all'estero, visitando luoghi e città europee. Mi piace allontanarmi dall'Italia in estate, per motivi climatici ma non solo. Sarò snob, ma stare lontano dall'Italia mi rilassa. E mi piacciono i luoghi di cui non conosco troppo bene la lingua, mi danno un senso di libertà, anche dalle parole altrui.
Mi piace molto la vacanza secondo il modulo città/natura. Ricordo il soggiorno in Germania del nord, a trovare mio fratello, nei pressi di Kiel. Una bellissima vacanza nella Foresta Bavarese, raggiunta in treno da Monaco di Baviera. Il viaggio di nozze in Scandinavia: Stoccolma/Helsinki e soggiorno sul lago finlandese organizzato sul posto.



49. Il posto più lontano dove sono stata (fino ad ora) è la California. Quindici giorni dopo la laurea tra San Francisco a casa di amici e, sempre con loro, Yosemite, Sequoia National Park e altre località della costa. Ho anche avuto l'emozione incredibile di incontrare un orso!

50. Mi piacerebbe andare in Norvegia e in Islanda. E vivere per un po' da qualche parte nelle isole britanniche. E molto altro ancora.
Per quest'anno, intanto, mi tocca accontentarmi... dell'Australia  :)

Con questo post partecipo al Linky Party 101 Cose su di Me, parte quinta.

21 commenti:

  1. Ciao Paola! Questo tuo post mi ha un po' "disorientata", mi spiego.
    Di tutti i punti elencati, per molti dei quali mi trovi in disaccordo (ma questo è un mio personalissimo parere), quello che mi ha lasciata quasi senza parole, è l'ultimo, o meglio, quando dici che ti tocca accontentarti dell'Australia. Cosa? Scherzi vero? Eppure non hai messo nessun punto esclamativo ne uno smile.
    Premetto di non essere mai stata in Australia ma non credo proprio che ne resterei delusa, penso possa essere uno dei viaggi più entusiasmanti che una persona possa fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo bastassero i puntini di sospensione, ma aggiungo subito lo smile! Figuriamoci!
      Non avrei mai pensato di andare, ma non perché non mi piaccia, naturalmente. Vado perché c'è mio figlio, in questo senso è stata una scelta obbligata. Ed è un viaggio con molte incognite, che mi spaventa un po'. Ma sono felicissima di farlo, naturalmente. E non ho dubbi sul fatto che sia un viaggio entusiasmante :)
      Grazie per il commento!

      Elimina
  2. Bellissime le Cinque Terre!!! Anche io adoro il mare delle isole, ma quelle piccole piccole, da girare in bici o al massimo in motorino...
    Ve

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intendevo proprio le isole piccole piccole...

      Elimina
  3. Anch'io vivo le vacanze in maniera simile a come dici tu al punto 41, e non credo ci sia nulla di male!
    Poi quando si riesce a organizzare in tranquillità un viaggetto verso una qualche meta, magari con gli amici, beh... ben venga :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh grazie! Anche per me naturalmente poi non è affatto male un bel viaggio da qualche parte (spero si sia capito:)

      Elimina
  4. davvero molto carino il tuo blog, ti ho conosciuta grazie a Kreattiva e mi sono unita ai tuoi follower!

    se ti va, passa da me, ti aspetto!

    http://22yearsofmode.blogspot.it/

    RispondiElimina
  5. Che brave che siete arrivate alla quinta puntata! Io mi sono fermata alla prima...però almeno un altro post su di me vorrei pubblicarlo.
    Mi ritrovo molto in ciò che hai scritto sul tema vacanze. Certi punti li avrei potuti scrivere io... come il 48. Infatti mi piace molto andare, e non per snobismo, all'estero. Lontana dall'Italia, alle prese con una lingua straniera e abitudini diverse mi sento più libera, sento che è più "vacanza". E poi come te hotel a pensione completa...mai! Finora ho viaggiato solo in Europa, ma se mai, magari a 80 anni, riuscissi a vincere la paura dell'aereo, farei un bel giro in camper negli Stati Uniti. Ciao Paola, ho letto il tuo post con grande interesse!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, forse a 80 anni il giro in camper è un pò faticoso...un viaggio organizzato è meglio :-)

      Elimina
    2. Ecco, forse a 80 anni un bel viaggio organizzato è meglio, sono d'accordo con te :)
      Camper e macchina non mi attirano molto, ma mi rendo conto che in certi contesti (Stati Uniti e Australia, per esempio) sono praticamente indispensabili. Vedremo.
      Grazie per il tuo commento, spero di leggere presto un altro tuo post !
      Ciao!

      Elimina
  6. Io adoro programmare le vacanze, la programmazione è la vacanza che continua tra una vacanza e l'altra
    Anch'io preferisco viverla da "abitante" ed infatti prenso sempre un appartamento anche perché sono celiaca per cui devo stare attenta con il mangiare, ma ti permette di vivere a fondo il Paese.
    Ho passato un anno da pendolare a Barcellona a trovare mio figlio e me lo ricordo ancora.
    Adesso faccio la pendolare tra Milano e Chicago.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello quello che dici sul programmare le vacanze. Forse dovrei cominciare a pensarla allo stesso modo e magari le mie fisime passerebbero.
      Ciao!

      Elimina
  7. Vedo che non sono la sola a spostarmi per i figli, anzi debbo dirmi fortunata, tranne che a sharm dove sono andata una sola volta in 3 anni che mio figlio è stato lì, fino adesso posso permettermi di vederli abbastanza facilmente con qualche ora di volo o due di treno solo che sono...3, fate un po' i conti!
    Paola mi ritrovo su molti punti tranne il 43 e 44. mio marito non organizza nulla, manco i suoi vestiti, ha molti meriti ma decisamente negato per certe cose.
    Io amo andare in hotel, che sia con stanze accoglienti, pulito, con varietà di menù specialmente con un'ottima colazione, mi piace mangiare al mattino anche a casa è l'unico pasto che non salterei. considero gli hotel in cui ci fermiamo una parte importante della vacanza, non prenoto quasi mai ma ci fermiamo dove troviamo una stanza che ci piace, a volte non ci fermiamo se non troviamo l'hotel giusto e se è troppo tardi ci passiamo solo la notte, mentre se un hotel ci ispira ci fermiamo più del previsto e visitiamo i dintorni anche se non era messo in conto. mi piace tornare in hotel fermarmi alla holl o in camera a leggere libri o giornali, o stare sulla sdraio cosa che non faccio mai a casa e che so non farei se avessi da preparare pranzo o cena e mettere in ordine. Sarà che sono casalinga e non mi va di fare il minimo lavoro di casa anche in vacanza. abbiamo avuto 2 anni la roulotte, non mi è piaciuta, troppo lavoro per tenerla pulita e in ordine e poi cucinare come in casa...noo non sono vacanze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', naturale che l'albergo abbia mooolti lati positivi :) E anche a me piacciono le cose che dici. Per esempio in montagna siamo tornati più volte in una pensione a conduzione familiare in Austria che era come una casa. E la colazione in albergo è davvero insuperabile, praticamente sempre! Dipende però dal contesto, e dopo un po' l'albergo, stranamente, mi "stanca".
      Bello viaggiare per andare a trovare i figli!

      Elimina
  8. Risposte
    1. Grazie!
      ... per la partenza manca ancora un po', però...

      Elimina
  9. e ogni volta che ti leggo, mi ci rivedo ... !!! :)
    buona vacanza in Australia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marì, mi fa molto piacere!

      Elimina
  10. Anche io preferisco viaggiare all'estero, l'Italia me la tengo per quando sarò troppo vecchia per i viaggi avventura. Grazie per la citazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego! E complimenti a te per i tuoi bellissimi viaggi "avventura" (mi sembra proprio la parola giusta)!

      Elimina