"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

domenica 9 giugno 2013

Fare il sapone dagli avanzi di sapone: primo esperimento

Come fare il sapone dagli avanzi di sapone.

Ecco qui il mio primo sapone fatto in casa, naturalmente riciclato.
In effetti, non so fare il sapone. Però ho provato a ricavarne di nuovo dagli scarti che ho raccolto invece di gettare via quando non erano più utilizzabili.

Ho cercato su internet e ho seguito il procedimento de La Saponaria (più semplice).
Trovate indicazioni e un tutorial anche ne I Pasticci di Dani (un po' più elaborato). Fate voi. Si possono raccogliere i consigli migliori da entrambi i post.

Ecco la fotocronaca del mio esperimento.

Ho preso gli avanzi di sapone raccolti nel tempo:


Li ho grattugiati:


Ho aggiunto un po' d'acqua e li ho sciolti a bagnomaria


fino ad ottenere un composto omogeneo, senza grumi:


Ho preso un contenitore riciclato (vaschetta delle fragole, conservata nella credenza da un sacco di tempo) e ci ho messo un foglio di plastica (non li uso, non li uso più, ma nella credenza c'era un avanzo di sacchetti per congelare risalenti a non so quanto tempo fa...) per coprire i buchi del contenitore e agevolare l'estrazione del sapone una volta pronto:


Ho versato il composto nella vaschetta e lasciato freddare. Dopo un po' era già così (vaschetta troppo grande, però...):


Poi così:


Dopo un'oretta così:


Dopo circa un'altra ora l'ho tirato fuori dal contenitore e rigirato (il fondo era meno asciutto della superficie):


Ho lasciato asciugare.

Dopo una settimana era molto più secco e duro, scurito nel colore e compatto, cioè così:


Ma non abbastanza secco da essere usato, secondo me.

Ho aspettato altre due/tre settimane. Ormai la saponetta è decisamente secca. Ne ho tagliato un pezzo e l'ho usato.

E funziona.

Certo, uno stampino più adatto, più piccolo, non sarebbe male (ci penserò per la prossima volta). E il composto va sicuramente compattato meglio.
Ma, trattandosi di un primo esperimento, mi ritengo soddisfatta. Posso riutilizzare qualcosa invece di gettarlo tra i rifiuti. E risparmio anche sulla spesa del sapone.
Semplice, no?

Con questo post partecipo alla 7a edizione del Linky Party Riusa & Crea di Riuso Creativo.

7a edizione Linky Party by Riusa & Crea

39 commenti:

  1. Semplicissimo! Voglio provarci anch'io!!
    Era da tempo che cercavo una ricetta semplice e finalmente... eccoti!
    Grazie Paola! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', non è farina del mio sacco, l'ho copiata. Però poi l'ho sperimentata direttamente, e l'esperimento è andato a buone fine :)
      Grazie, cara

      Elimina
  2. Ciao Paola, è un bel modo per riciclare il sapone. Io mi limito ad attaccare il rimasuglio di saponetta a quella nuova...ma il tuo metodo è sicuramente più creativo! =)
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E si attacca bene? Comunque sì, anche il tuo è un modo per non sprecare, il più semplice.
      Ciao :)

      Elimina
  3. bravissima!
    chissà che pazienza per grattugiare tutto quel sapone!
    noi non produciamo tutti quegli scarti di saponette, perciò quando ne capita uno, lo metto direttamente nel flaconcino del sapone liquido per i pannolini, che tengo sul lavabo in bagno. e dopo poco si scioglie.
    ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona idea!
      Ciao cara, un abbraccio :)

      Elimina
  4. Brava, l'importante nelle cose è provarci, sempre. Non so se hai avuto modo di notare che anch'io nel mio blog ho postato qualche articolo sul risparmio e ecologia, che ne dici di n guest post da me? Aspetto tue notizie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'invito. Ti faccio sapere, Cinzia. In questo periodo ho pochissimo tempo, ma magari fra un po' mi faccio viva. Anche per leggere per bene il tuo blog.
      A presto!

      Elimina
  5. Anch'io di solito cerco di attaccare il pezzo vecchio a quello nuovo, ma si stacca sempre e spesso finisce nello scarico del lavandino. Farò sicuramente come te, semplice ed economico! e magari ci metto anche qualche goccia di olio essenziale per rinnovare e personalizzare il profumo (tanto uso saponi vegetali mai eccessivamente profumosi).
    Grazie per la condivisione e buona settimana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente un po' di olio essenziale ci sta benissimo!
      Buona settimana a te!

      Elimina
  6. Semplice, economico e carinissimo! Ci proverò anche io, magari mettendo il sapone nelle formine di lattice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, brava, non come ho fatto io, che sono una vera principiante e non ho neanche delle formine decenti! Tra l'altro, credo che dei contenitori più piccoli nei quali comprimere un po' il sapone permettano di renderlo più denso e pesante di quello che è venuto a me, che sembra molto "leggero" in peso specifico.

      Elimina
  7. Ciao Paola, complimenti! Voglio provarci anche io che come tutte le ragazze sopra tento sempre di rimpastare i vari pezzetti che si sbriciolano tra di loro ma poi finiscono sempre nel lavandino! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene! Sono contenta di aver condiviso un'idea utile, oltre che semplice :)

      Elimina
  8. intanto mi fa piacere scoprire di non essere l'unica ch econserca i rimasugli di saponetta!

    Che bello ^^

    Io le metto in un collant (rotto).
    Taglio il collant a misura di gambaletto, infilo i pezzetti, faccio un nodo, con la lunghezza del collant creo un cappio e lo appendo al rubinetto del garage.

    Funziona che è una meraviglia, certo è molto (ma molto molto molto) meno bello del tuo che si presenta bene anche in bagno (il mio decisamente no)

    RispondiElimina
  9. ops... ma io rileggere mai?

    Ch econserca = che conserva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè, lo usi come sapone dentro al collant? Buona idea :)

      Elimina
    2. esatto!
      (l'ho vista nel programma "malati di risparmio" ;P)

      Elimina
  10. Lo faccio anch'io, ma uso contenitori più piccoli, in modo da non doverli tagliare.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo! Insomma, non sono l'unica e come al solito siete più brave di me!
      Ciao!

      Elimina
  11. Ciao Paola, ho trovato il tuo tutorial dal linky party di Anna. Anche io sto raccogliendo i pezzetti di saponette per riciclarli e questo tuo post mi sarà utile! Dani

    RispondiElimina
  12. ciao! Arrivo dal linky party di riusa e ricrea! Che grande idea.. io per pigrizia uso il sapone liquido ma sicuro questa me la tengo buona.
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi anche utilizzare i resti di saponette per fare il sapone liquido, trovi le indicazioni in uno dei due post di cui ho messo il link (lo so che se usi il sapone liquido forse non hai le saponette e viceversa, ma... chissà... :)
      Grazie per la visita!

      Elimina
  13. Geniale!Complimenti!
    Ho scoperto il tuo blog tramite Riusa & Crea, passa a trovarmi se ti va.....http://illaboratoriodifi.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Che bello il tuo blog, davvero suggestive le tue creazioni. Mi sono unita ai tuoi follower.
      Grazie della visita e a presto!

      Elimina
  14. grazie cara per il link al mio blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati! Grazie a te per le preziose informazioni! La prossima volta provo a seguire il tuo esperimento per vedere se ci sono differenze nei risultati.

      Elimina
  15. Mi sono sempre chiesta se fosse possibile e ora so come si fa :)Ci voglio provare!!

    RispondiElimina
  16. Mi hai fatto venire voglia di provare...chissà se al sole si secca prima? Non so dove nasconderlo per due settimane con mia figlia che gironzola... :-) Grazie per aver partecipato al Linky Party, mi raccomando ritorna con altri bei progetti come questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora che lo sto usando da un po' ti posso dire che probabilmente non era necessario farlo seccare così tanto (avevo paura che si dissolvesse a contatto con l'acqua) perché è piuttosto duro. Direi che anche una sola settimana o pochi giorni possono bastare.
      Grazie a te per l'ospitalità al Linky Party!

      Elimina
  17. Lo proverò senz'altro,veramente interessante il tuo blog,fuori dal comune,ti seguitrò con vero interesse,arrivo da kreattiva se ti va passa da me su www.cucinaconimma.blogspot.it,ciao Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora passo a trovarti.
      Intanto, benvenuta!

      Elimina
  18. Ciao Paola,
    sono arrivata da te per caso e mi sono fatta un bel giretto e trovodavvero interesantissimo il tuo blog, ti seguo senz'altro.
    Un saluto
    Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serena, mi fa molto piacere.
      Anche io ti seguirò molto volentieri!
      Paola

      Elimina
  19. Risposte
    1. Grazie. E' un modo semplice per sprecare meno sapone. E, ora che lo stiamo usando, posso aggiungere che dura un sacco.

      Elimina
  20. Grazie tante per questo suggerimento, Paola, così potrò finalmente riutilizzare tutti gli avanzi di saponette che ho raccolto negli ultimi anni. Tempo fa avevo una "ricetta" per riciclare questi avanzi e l'avevo messa in pratica con successo ma poi non sono più riuscita a ritrovarla e non mi ricordavo il procedimento.

    RispondiElimina