"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

lunedì 3 febbraio 2014

I rifiuti di gennaio: comincia un nuovo anno

Comincia un nuovo anno di pesatura dei rifiuti.

Ecco come è andato il mese di gennaio (rifiuti prodotti da due persone):

indifferenziato:  kg. 0,512
organico:    kg. 11,00
carta:   kg. 2500
plastica:   kg. 0,404
metallo:  kg. 0,127
vetro:   kg. 3,076

TOTALE:   kg. 17,619

A differenza dell'anno scorso, il 2014 è cominciato bene.

Siamo abbondantemente sotto quota 20 kg. per quanto riguarda la produzione totale.

L'indifferenziato è di appena 500 gr. circa (250 gr. a testa), decisamente sotto il chilogrammo che ci siamo ripromessi di non superare.

Anche la plastica è relativamente leggera, nonostante gli intrusi immortalati in questa foto, dovuti alla settimana trascorsa in casa a causa della caviglia infortunata: vecchi prodotti per la pulizia della casa acquistati secoli fa e finalmente finiti; due vaschette di polistirolo con il pollo comprato dalla mamma che mi ha aiutato in casa; latte e succo di frutta che in circostanze normali non avrei comprato; un paio di merendine della mamma.


Si tratta davvero di intrusi, perché qui ormai le pulizie si fanno ormai solo con prodotti naturali,  le vaschette di polistirolo non si comprano più e le rare volte che si compra il latte è in bottiglia di vetro.

Anche il vetro continua ad essere piuttosto leggero da quando il marito non beve quasi più vino e usiamo la passata di pomodoro con molta meno frequenza. In compenso, mangiamo molta marmellata (e chissà che prossimamente io non provi a produrne un po' in casa!).

Molto leggera questo mese anche la carta, non saprei neanche dire perché (meraviglie della riduzione dei rifiuti!).

Ah, quasi dimenticavo: anche questo mese tutti i rifiuti sono stati buttati in un'unica soluzione, con l'unica eccezione dell'organico, gettato una volta a settimana per quattro volte. 

Non scrivo questi post per vantarmi, davvero! Spero di  riuscire a far passare l'idea che non ci vuole poi così tanto per ridurre drasticamente i propri rifiuti e che, una volta instaurate, certe abitudini si trasformano facilmente in normale routine.

Quali sono i vostri recenti successi nella riduzione dei rifiuti?
Fatemi sapere, eh!

11 commenti:

  1. Non ho mai pensato di pesare i rifiuti; anche qui a Trento abbiamo la raccolta differenziata da anni, in casa siamo in due, però non ho il problema dell'organico perché avendo il giardino ho due grandi composter.
    MGrazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che il compostaggio domestico sia il modo migliore per risolvere il problema dei rifiuti organici. Una cosa sono grandi impianti altamente impattanti dove confluiscono tonnellate di rifiuti, una cosa compostiere diffuse sul territorio, come da voi. Io purtroppo, non avendo un giardino né un balcone posso comportare solo parte dei miei rifiuti. Però nel mio piccolo ci provo anche io. Grazie per il commento!

      Elimina
  2. Non ero mai capitata nel tuo blog, già che c'ero ho dato un'occhiata anche all'altro sulla scuola....bello tosto!
    Di fronte alle iniziative come le tue resto sempre meravigliata, ammirata e a disagio......mi ricordano che posso far di meglio. Mi unisco al tuo blog, credo mi possa servire. A presto !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Elisabetta, a disagio no, ti prego :)
      Benvenuta e grazie per le tue parole. A prestissimo!

      Elimina
  3. Sai che anche io volevo iniziare a pesare i miei rifiuti? Avrei voluto farlo dall'inizio dell'anno, ma ho perso il primo carico di carta! L'organico non pensavo di pesarlo, perchè lo portiamo direttamente nel compost di fianco all'orto man mano che lo produciamo. In fondo non è un rifiuto.
    Mi impegnerò con la bilancia d'ora in poi. E se sarò brava voglio anch'io mettere i risultati sul blog. Anche se a volte penso che il peso sia poco significativo perchè chi legge non riesce a farsi un'idea di quanta roba sia veramente. Visto che qua da noi fanno la differenziata porta a porta e quindi abbiamo dei sacchi standard da riempire pensavo che potrei conteggiare i rifiuti anche come volume. Forse in quel modo è più comprensibile per gli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io peso l'organico che getto nella raccolta differenziata, non quello (poco in questo periodo, purtroppo) che finisce nel secchio del composto in casa perché, come dici tu, non è un rifiuto.
      Oltre al peso conto i sacchetti, che sono diventati praticamente uno solo al mese per ogni tipo di materiale. Pesare i rifiuti mi ha aiutato a controllarli, mi permette di fare confronti e di individuare i punti deboli. Ora mi dà anche molta soddisfazione, ma voglio fare ancora di più.
      Fammi sapere come va, eh, con il tuo progetto!
      A presto

      Elimina
    2. Quando ho commentato in effetti non avevo ancora letto approfonditamente il tuo blog. Pian piano sto spulciando in giro per imparare qualcosa in più!
      Più leggo e pi mi piaci! ;)

      Elimina
  4. Piccole buone abitudini che fanno tanto per l'ambiente, apprezzo molto quello che fai e il tuo blog! Mi unisco volentieri ai tuoi lettori, Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia e benvenuta!
      Io ti seguo già

      Elimina
  5. Ciao Paola, mi sono aggiunta ai tuoi lettori e mi piacciono le tue abitudini. =)

    RispondiElimina