"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

domenica 16 marzo 2014

Il nuovo composto #1: svuotare i secchi e nutrire le piante di casa

Lo avevo detto nell'ultimo post: l'organico che smaltisco nella raccolta differenziata è decisamente troppo pesante per i miei gusti (e per un blog con tale nome).

Dunque proverò a dare nuovo impulso al composto prodotto in casa, ultimamente molto trascurato.

E da dove si comincia? Dalla fine, naturalmente!

Dunque il composto prodotto nei mesi scorsi diventa nutrimento per le piante di casa (i ficus beniamin, in questo caso):




















Si ricomincia ad alimentare abbastanza regolarmente uno dei due secchi, quello ancora attivo anche se un po' dormiente:


Mentre l'altro secchio, completamente svuotato, è in attesa di riprendere a fare il suo lavoro (per il momento giusto qualche buccia di mandorle che avrà la funzione di rendere aerato e drenato il contenuto quando arriverà):


Intanto ecco come se la cavano le piante e i fiori di casa e di finestra.

I ficus:


La violetta:


L'orchidea:


E il ciclamino sul davanzale:


Che dite, troppo presto per augurare Buona Primavera?

22 commenti:

  1. Ma no dai, è un augurio che porta bene...e i tuoi fiori sono in splendida forma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Buona primavera, allora :)

      Elimina
  2. assolutamente no, buona primavera anche a te, che da quel che si vede ce l'hai già in casa

    RispondiElimina
  3. Direi che se la cavano egregiamente!
    E non è mai troppo presto per augurare Buona Primavera. =)
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Anzi, forse questo periodo di assaggio di primavera è il momento migliore.
      Grazie Daniela!

      Elimina
  4. Ciao Paola,
    il tuo compost é supernutriente a giudicare dalla bellezza delle tue piante...
    io mi limito a tenerne qualcuna di passaggio che poi regalo a mio cognato. Anche lui fa il compost nel suo giardino e fa rinascere le mie piantine ...
    buona primavera anche a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Loriana! Riprenditi le piantine dopo la cura cognato, no? :)

      Elimina
  5. Wow! Direi che le tue piante siano in perfetta forma!
    Brava Paola!
    Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Clara, buon inizio settimana a te!

      Elimina
  6. brava!
    così si fa!
    per quanto riguarda la primavera, è chiaro che è già tra noi da diverso tempo.....
    ciao!

    RispondiElimina
  7. Sei bravissima Paola. Avevo letto lo scorso post quando dicevi che il tuo organico è troppo "pesante" ed avevo riflettuto che io non ho mai pensato all'organico come "pesante", non dovrebbe essere tutto riciclato anche da chi raccoglie? Vero che io ho una visione un po' semplicistica dell'organico, dato che abbiamo l'orto è facile non farci caso, si butta nel "cestone" e si trasforma in terra e via, si fa da sé. Vedo che tu fai un ottimo lavoro che richiede tempo e dedizione. Hai davvero tanta pazienza anche a pesare i vari sacchetti e il tuo lavoro mi fa riflettere. Io penso sempre di farne poca di spazzatura, avendo i vantaggi che ho detto ed anche perché compro poco di confezionato, ma anche così non è poi proprio detto che siano pochi come vorrei. Ovvero quando compro la ricotta in cascina me la mettono in un contenitore di plastica ed avrò lo stesso impatto che avrei avuto comprando un prodotto industriale, dato che non accetterebbero il mio contenitore. Solo da pochi produttori di nicchia posso andare coi miei sacchetti di tela, la sporta o altro... Tutte riflessioni che ho fatto nel tempo e leggere il tuo blog mi stimola a pensarci ancora e magari a trovare ulteriori migliorie.
    oh, mi sono dilungata, vorrà dire che un giorno magari ci faccio un post pure io...
    baci Su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Su per il tuo bel commento! Spero di leggere presto un tuo post sull'argomento.
      Per me tutti i rifiuti trattati sono comunque un impatto, anche se riciclati, e la raccolta dell'organico a Roma è molto problematica: la qualità della raccolta stradale non è buona, gli impianti esistenti sono insufficienti, spesso i rifiuti devono essere portati fuori regione, con alti costi, se non addirittura gettati in discarica (speriamo che questo non accada più, ma ho forti dubbi). I grandi impianti di compostaggio hanno inoltre un impatto non indifferente sul territorio. Sei fortunata ad avere un orto e a non considerare come rifiuti gli scarti organici, il compostaggio domestico andrebbe davvero incentivato perché è secondo me uno dei modi migliori per affrontare efficacemente il problema dei rifiuti. Per me la raccolta dell'organico nel quartiere è stata comunque una svolta, perché mi ha permesso di "svuotare" davvero il sacchetto dell'indifferenziato e di poter gettare anche quelli scarti che non posso comportare in casa. Però mi sono impigrita un po' troppo, per questo voglio riprendere ad alimentare il composto come facevo una volta.
      A presto :)

      Elimina
  8. No che non è presto, il sole c'è e le giornate sono più lunghe, è sufficiente no? Ah, e la tua orchidea è bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora si è aperto anche un altro fiore! Me l'hanno regalata fiorita, poi è stata più di due anni senza fiori e ora sono tre anni che fiorisce sempre in questo periodo. Piccole soddisfazioni anche queste...
      Fra un po' scatta pure l'ora legale, eh :)

      Elimina
  9. Ciao Paola! Le tue piante ringraziano!!!
    Io ti chiedo una precisazione, dato che ho iniziato a fare il composto: ogni quanti giorni lo devo "mescolare"?
    Buona settimana =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo mesco all'incirca una volta a settimana. Aiuta a tenerlo aerato e a distribuire umidità e ingredienti. Buona fortuna allora, speriamo funzioni :)

      Elimina
    2. Grazie Paola! Ho fatto ma ho ancora un dubbio che riguarda cosa inserire nel composto: posso "alimentarlo" con bucce d'arancia e parti di frutta o altro che abbiano un po' di muffa? Se lo posso fare, ovviamente penserei di farlo tagliuzzando a piccoli pezzi maaa devo anche aspettare che si secchino/asciughino un po'?
      Qui a Venezia, ho alcuni amici, con giardino, che hanno un bidone enorme per compostare ma se riuscissi anche io a farlo - nel piccolo - ... potrei incoraggiare altri amici che hanno poco spazio.
      Buona giornata =)

      Elimina
    3. Ma no, non credo ci siano problemi per un po' di muffa. A proposito del secchio enorme dei tuoi amici, naturalmente anche in casa, più grande è il contenitore, meglio è, nei limiti del possibile, perché la quantità aiuta il procedimento. Ti accorgerai che il composto è "partito" quando sentirai che è "caldo". Vedrai, sarà emozionante!

      Elimina
  10. Ciao Paola, è sempre un piacere leggere i tuoi post. Tengono viva l'attenzione su un argomento importante come sono i rifiuti. Sei tra i miei...Maestri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patty, troppo gentile! Le tue parole mi fanno davvero molto piacere e mi incoraggiano a continuare.
      Ciao :)

      Elimina