"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

sabato 1 marzo 2014

Il tempo per l'attività fisica #2: prima della palestra


Prima di cominciare ad andare in palestra ho deciso che è giunto il momento di rimettermi un minimo in sesto per conto mio.

Questo è il programma:
Almeno due pomeriggi a settimana ginnastica in casa.
Sabato e domenica camminata al parco o ginnastica o stretching.
Almeno una volta a settimana a scuola a piedi (un'ora circa di cammino).
Tutto è nato dal fatto che ieri pomeriggio, venerdì, sarei dovuta andare in palestra per una lezione di prova di pilates ma, provandomi la tuta, mi sono così spaventata delle mie condizioni che mi sono vergognata di andare e sono rimasta a lavorare in casa (il mio corpo sta mostruosamente mutando).
E questa mattina sono andata a camminare (correre ancora pochissimo) al parco sotto la pioggia battente:


Quando si dice la paura.

Il tempo per... l'attività fisica #1

16 commenti:

  1. Ahhhh come ti capisco! Mi venisse la paura anche a me... noto degli strani mutamenti alquanto fastidiosi pure io!
    Continua così, sei tutti noi!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Clara. Vediamo quanto dura...

      Elimina
  2. Grande cosa la paura, l'aspetto pure io.. Se ti va passa da me ho un Linkparty con Candy in corso, Silvia

    RispondiElimina
  3. Mi sembra comunque un buon modo per cominciare, quando sarai pronta andrai anche in palestra. Ma potrebbe anche essere sufficiente il tuo programma per rimetterti in sesto. =)
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, prima degli azzoppamenti me la cavavo egregiamente più o meno così (camminavo molto, e velocemente, soprattutto). Evidentemente basta poco per rompere l'equilibrio. Sono sempre stata una fautrice del movimento "utile" invece di quello "forzato" della palestra. Veremo. Grazie mile cara per l'incoraggiamento!

      Elimina
  4. Io sono andata oltre la paura, sono al livello del terrore......solo che mi paralizza, non riesco a muovermi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', in un certo senso è quello che è successo a me quando non sono riuscita ad andare in palestra :)

      Elimina
  5. Forza! Siamo tutti con te! ;)

    Hai pensato a una cyclette? ;)
    Fa il suo sporco lavoro, ti fa sentire più felice, non ti inzuppi quando piove, non fai male alle articolazioni. E poi puoi guardarti un film/telefilm/concerto/qualsiasi cosa mentre pedali e mantenere anche un certo spirito multitasking! ;)

    Io l'ho fatta da fine ottobre a un mesetto fa, quando ho dovuto fermarmi per il problema alla schiena (non causato dalla cyclette!) e appena posso salto su di nuovo. Mi sentivo benissimo fisicamente e soprattutto mentalmente!

    In ogni caso, in bocca al lupo!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cyclette sarebbe perfetta, hai ragione. E' che mi manca davvero lo spazio in casa. Ci penserò però, perché alla fine anche lo spazio è relativo, si può sempre eliminare qualcos'altro :)
      Grazie per l'incoraggiamento!

      Elimina
  6. Non so se fosse quella l'intenzione ma mi hai fatto ridere con la storia della paura :D
    La mia massima stima per il tuo programma. Io per l'organizzazione casalinga sono una frana (continuo a rimandare il mio yoga con mille scuse), però sono una ferma sostenitrice (e fautrice) della camminata veloce, che insomma, è già qualcosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be' se non si sdrammatizza un po' :)
      Tanta fu la paura che già oggi il programma è saltato (influenza che avanza? O tutta la pioggia di ieri? Mi sento un vero straccio!).
      Comunque hai ragione Cri, la camminata veloce è molto più di qualcosa!

      Elimina
  7. Io evito le palestre (e non solo perché mi vergogno). Soprattutto per una questione di libertà: camminare velocemente per 40 minuti almeno 4-5 volte alla settimana sul lungo mare.
    La mattina mi concedo i cinque tibetani: li conosci? Sono un "pre-yoga": si comincia con tre ripetizioni al giorno a salire solo quando ti senti bene fino ad arrivare a 21 (io sono a 4 ripetizioni da sempre e mi sento molto più flssibile).
    Ciao e buona settimana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non ho un lungo mare su cui camminare velocemente :( ma sono d'accordo con te: anche a me la palestra non piace molto. Mi piacerebbe riuscire a fare da me, ma temo di non avere la costanza. Sei la seconda persona che mi parla dei 5 tibetani, a questo punto credo che approfondirò.
      Buona settimana anche a te e grazie per i consigli :)

      Elimina
  8. Ahahah a me lo spavento della prova della tuta capita tutte le primavere pur facendo sempre un po' di movimento perché sono troppo golosa!
    Non ti scoraggiare, queste prime giornate di sole ti metteranno addosso una bella voglia di muoverti!
    E comunque non farti abbattere dalla cattiva forma fisica, in palestra si va proprio per migliorarsi non per sfoggiare fisici perfetti anche se lì le vamp le trovi sempre ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì, lo so, hai ragione! Mi hanno anche detto: "Comprati un'altra tuta, o una bella maglietta lunga", che mi sembra anche questo un ottimo consiglio :) E poi è vero, basta cominciare, anche grazie alle belle giornate, e con un po' di pazienza anche quel minimo di forma fisica necessaria a stare bene torna.

      Elimina