"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

lunedì 21 luglio 2014

Spacciatori di pasta madre


Non so se sarei mai riuscita a imbarcarmi davvero (nonostante tutti i propositi) nell'avventura della produzione del lievito o pasta madre per fare il pane. Ogni scusa era buona per rimandare quella che mi sembrava una ben ardua impresa.

E invece, ho incontrato chi la pasta madre me l'ha spacciata già bella e pronta! Grazie a Cri di Dove gira il Sole e soprattutto a Fra, che l'ha prodotta, ora non ho più nessuna scusa per non provare a fare il pane in casa.

Fra un paio di giorni la dovrò rinfrescare (cioè nutrire). Per oggi mi sono limitata a guardarla e a sentirne l'odore, leggermente acidulo e buonissimo.



Non è bellissima?

Non potevo davvero ricevere regalo più bello e prezioso! Cercherò di esserne all'altezza.

Grazie di cuore, Cri e Fra! Per me e per il blog comincia una nuova avventura!


Con questo post partecipo al Linky Party # 104 di Alex

Linky Party C'e' Crisi


Leggi anche: Il pane!

16 commenti:

  1. E' una cosa che rimando anch'io da un bel po'. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Servirebbe anche a te un bravo spacciatore che, facilitandoti il primo passaggio, ti obblighi allo stesso tempo a cominciare :)
      Vediamo come va, vi terrò aggiornati

      Elimina
  2. Ma guarda quant'è bello!!!! Io ce l'ho avuto, ma poi l'ho trascurato ed è morto, quanto mi pento! Adesso sarei nuovamente pronta a prendermene cura, ma per bene, non come l'ultima volta! Il lievito madre vuole tante attenzioni, si sa, ma ripaga alla grande! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh oh, non mi far preoccupare, perché se è morto a te, che sei così brava, che succederà a me, che brava non sono proprio?
      Io comunque ci provo, non è detto che poi non possa diventare una spacciatrice anche io (siamo concittadine, se non sbaglio :)

      Elimina
  3. Aspetto gli aggiornamenti perché piacerebbe anche a me avere un po' di pasta madre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok dài, vediamo se ce la faccio (qui le responsabilità aumentano :)

      Elimina
  4. Bella! Vedrai che vivrà benissimo e ti darà tante soddisfazioni!!!
    Io l'ho autoprodotta un annetto fa circa e da allora ci faccio di tutto, ultimamente anche una torta alle pesche...buonissima!
    Ciao, a presto
    Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lo so che sei bravissima! La tua ricetta per la pasta madre e il pane me la sono infatti appuntata e proverò a seguirla. Per il resto, vediamo piano piano ...
      Grazie per il commento e l'incoraggiamento, Serena, e a presto :)

      Elimina
  5. Che gioia questo post! Che bello sapere che c'è un po' di Babbo II a casa tua :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi! Ma insomma, il nome Babbo glielo ha dato Fra, o da qualche parte si chiama così? Perché trasformare una madre in babbo non è operazione di poco conto :)

      Elimina
  6. Ricorda che se non riesci a fare il pane, il rinfresco non si butta! Puoi fare le frittelle aggiungendo un pizzico di bicarbonato, un pochino di zucchero e mezzo cucchiaino di sale.
    Facci sapere come va!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho fatto oggi il primo rinfresco e la pasta madre è... straripata! Devo decisamente prendere ancora le misure. Vi faccio sapere sì che vi faccio sapere! Intanto grazie per il consiglio!

      Elimina
  7. Ho un'amica pronta a darmi la pasta madre, ma non mi sento pronta, temo ci voglia troppo tempo ad impastare, cuocere...raccontaci se sia fattibile anche per una lavoratrice-madre-ortogiardiniera sempre indaffarata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok Patty! Appena lo scopro ve lo racconto :)

      Elimina
  8. Adesso come adesso non avrei il tempo di occuparmene, però mi affascina sentirne parlare. E' un po' come avere un animaletto in casa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e per ora è ancora vivo!
      Hai ragione, il vero problema è quello del tempo: quanto ci vuole ad occuparsene? Quanto ci vuole a fare il pane in casa? Per quanto mi riguarda, diciamo che sto cominciando un rodaggio mentre sono "in vacanza" sperando di trovare un ritmo che sia accettabile anche quando lavoro. Per ora mi piace credere che sia possibile, vedremo.

      Elimina